11
Gen
2015

Come abbassare lo stress con le onde alfa

Le onde alfa rappresentano la frequenza cerebrale alla quale il cervello è più creativo, lo stato in cui siamo più rilassati ma allo stesso tempo più produttivi. E’ possibile entrare in questo stato a piacimento?
Assolutamente si, ed è quello che spiego in questo post…

Per approfondire: Il magico potere della vostra mente

aforisma-Burroughs

Diversi tipi di onde


Esistono diversi tipi di onde cerebrali, suddivise in base alla frequenza. Tra queste distinguiamo principalmente 4 tipi:

  • Onde deltacaratteristiche della fase di sonno profondo, hanno una frequenza compresa tra 0.1 e 3.9 hertz, si registrano durante il sonno profondo, nel coma o nell’anestesia totale.
  • Onde theta: caratteristiche della fase di sonno rem, hanno una frequenza compresa tra 4 e 7.9 hertz
  • Onde alfa: caratteristiche della fase di rilassamento, hanno una frequenza compresa tra 8 e 13.9 hertz, si registrano solitamente in uno stato di presonnolenza o di veglia ad occhi chiusi.
  • Onde beta: caratteristiche della fase di veglia, hanno una frequenza compresa tra 14 e 30 hertz, si registrano in un soggetto pienamente attivo e cosciente.

Nel corso delle 24 ore c’è naturalmente un’alternanza tra le varie tipologie di onde cerebrali. Quando siamo svegli e attivi predominano le onde beta. Dovremmo essere al massimo dell’attivazione e quindi della produttività, in realtà non è proprio così.
Nel 1978 uno studio sulla creatività effettuato da Colin Martindale, psicologo dell’ università del Maine, dimostrò che quest’ultima ha due fasi: l’ispirazione e l’elaborazione. Lo studio consisteva nella registrazione delle frequenze cerebrali di alcuni scrittori mentre inventavano delle storie. Martindale si accorse che durante la fase creativa, l’attività cerebrale era ridotta rispetto alla normalità. Esaminando l’elettroencefalogramma notò che in questa fase gli scrittori avevano una frequenza delle onde cerebrali compresa tra 8 e 13.9 hertz, denominata frequenza o ritmo alfa. E, stranamente, chi faceva registrare una permanenza maggiore nel ritmo alfa era anche più creativo.

 

Benefici delle onde Alfa


Le onde alfa sono delle onde cerebrali che vengono registrate nei momenti in cui la mente medita e si rilassa, in cui non ci sono elementi di distrazione. Queste ultime accentuano la concentrazione e favoriscono la meditazione e sono associate ad una situazione di calma e a uno stato vigile ma rilassato della mente. In questa fase il cervello memorizza, crea, stimola la produzione di ormoni tra i quali endorfine, melatonina e molecole antinfiammatorie. In questo stato si riproducono gli effetti benefici che il sonno apporta al nostro organismo, anche se in realtà siamo perfettamente lucidi. In altre parole, riprodurre un ritmo Alfa nel nostro cervello significa rigenerare corpo e cervello, mente e muscoli.

 

Come stimolare la produzione di onde alfa


Mantenere più a lungo possibile un ritmo alfa, come abbiamo visto, è un beneficio incredibile sia per la salute che per aumentare la produttività personale. I metodi che troverai di seguito aiutano a raggiungere uno stato alfa o a mantenerlo nel tempo. Cliccando sui relativi link potrai approfondire ogni argomento e sperimentare quello più adatto per te!

  • Meditazione: uno dei metodi più efficaci per entrare in uno stato alfa e portare con sè i benefici di quest’ultimo durante la giornata è costituito dalla meditazione. Esistono numerosi tipi di meditazione, ognuno con i suoi pro e i suoi contro; tra tutti quello che preferisco é ascoltare meditazioni guidate, perchè è semplice, rapido e alla portata di tutti (puoi scaricarle gratuitamente nella sezione risorse).
  • Musica rilassante: ascoltare musica classica o musica rilassante mentre svolgi le tue attività è un ottimo modo per mantenere la mente rilassata e produttiva. Puoi trovare alcuni video selezionati per te nel canale youtube di Good Life No Stress.
  • Respirazione: portare l’attenzione sulla respirazione per alcuni minuti è un ottimo esercizio per allentare la tensione. Tra i vari tipi di esercizi ti consiglio la respirazione 1-4-2.
  • Voce verde: la voce verde è la voce della calma; parlare con questa voce ci porta naturalmente in uno stato alfa, in pratica più si parla e più ci si rilassa. Ti invito a scoprire come usare la voce verde nell’articolo su Ciro Imparato, fondatore del metodo Four Voice Colors.
  • Brainwave: immagina uno strumento che misura le tue onde cerebrali e ti dice quando sei in uno stato alfa… ecco, questo è Brainwave!
  • Entrare in uno stato di gratitudine: la gratitudine è uno dei sentimenti più potenti; dedicare ogni mattina 5 minuti  in cui provare gratitudine è una delle migliori tecniche per mantenere questo stato emozionale nell’arco della giornata.

 

Gli ancoraggi


Un ancoraggio, nel gergo della Pnl, è un processo di associazione di una sensazione fisica a una risposta interna; per intenderci, è una specie di interruttore per accedere istantaneamente ad uno stato emozionale. Ti piacerebbe avere un “interruttore” che aiuti a rilassarti rapidamente nel momento del bisogno?
Tutto quello che devi fare è individuare un momento in cui sei pienamente rilassato, e nell’istante in cui questa sensazione diventa più intensa associare uno stimolo inconsueto.
E’ importante che lo stimolo sia difficile da replicare nella quotidianità, in modo da poter essere associato solo a quella determinata sensazione. Ad esempio, posso associare una pressione in un punto particolare del corpo, una respirazione con ritmo diverso dal solito, un suono specifico, la visualizzazione di un particolare colore, ecc…

Vediamo passo passo come creare un “interruttore” antistress in pratica:

  1. Entrare in uno stato di profondo rilassamento (stato alfa)
  2. Individuare il momento più intenso della sensazione di rilassamento
  3. Associare un gesto inconsueto (ad esempio stringere forte pollice e indice della mano sinistra)
  4. Mantenere lo stimolo per qualche istante
  5. Ripetere il processo ogni volta che si è pienamente rilassati (meglio quotidianamente)

A questo punto, la mente inizia ad associare allo stimolo la sensazione di rilassamento; è importante ripetere quanto più possibile l’associazione per aumentare il suo effetto; dopo un pò di pratica, basterà riprodurre lo stimolo per provare in automatico una piacevole sensazione di rilassamento.
Cosa ne dici? Sei disposto a provare per una settimana? Quando preferisci, lascia pure un commento per farmi sapere come è andata!
E soprattutto… Buon relax!

Per approfondire: Il magico potere della vostra mente


Piaciuto l’articolo?
Sostieni il blog condividendolo sui social network, te ne sarò enormemente grato!